CROMOTERAPIA

PENNA LUMINOSA

ESPANDI LA TUA VITA ATTRAVERSO LA LUCE ED IL COLORE

L’uso del colore come strumento terapeutico affonda le sue radici nelle pratiche di molte importanti culture del passato. Le testimonianze sugli antichi Egizi riferiscono che il GIALLO veniva usato per stimolare le capacità intellettive, mentre il ROSSO si usava per accrescere la forza vitale.

Il corpo umano utilizza il sistema elettrico per trasmettere attraverso i nervi e coordinare tutti i movimenti e le percezioni sensoriali. Dato che il sistema ottico è tanto efficace per trasmettere le informazioni, probabilmente anche il corpo umano usa la luce.

Per descrivere la luce è necessario usare spiegazioni diverse.
Una la si può avere con il metodo delle onde di luce, se si getta un sasso in un lago si vedrà che una serie di onde si espande: la luce si comporta come un’onda. Ed è proprio questa la teoria usata per le applicazioni ottiche. Però le onde non interagiscono con le altre cose. Le lancette dell’orologio visibili al buio assorbono la luce e poi la rilasciano: questo fenomeno non si può spiegare con la teoria delle onde.

Qui subentra la seconda teoria, che considera la luce come un continuo flusso di “particelle luminose”. Per questa teoria la luce è un insieme di particelle caricate di energia che si muovono. Se la luce trova una sostanza capace di assorbirla, ciò avviene.
Queste particelle viaggiano in un raggio di luce e questa teoria ha portato al raggio laser, basato sulla struttura cristallina, che viene stimolata elettricamente. Un cristallo ha una struttura molecolare perfetta: mettendo una carica elettrica ad un cristallo facciamo si che le molecole cristalline si carichino e poi rilascino le particelle di luce – i FOTONI.

La Penna Luminosa agisce in tutte e due i modi: uno attraverso la teoria delle onde, l’altro mediante le particelle di luce che immettiamo nel corpo.
Le fibre ottiche funzionano solo nel buio totale e all’interno del nostro corpo ci sono le stesse condizioni di buio assoluto.
La sostanza della luce fa da ponte tra il fisico e lo spirituale. Con l’uso di questo strumento si possono avere reazioni fisiche, emotive e mentali ma l’influenza più rilevante avviene senz’altro sui biofotoni.

Questa tecnica è molto utile anche per lavorare sulle cicatrici e i tatuaggi, ripristinando il flusso energetico dei Meridiani.